‘O pesce Nicolò

Guaglione
d’’a pelle abbrunzata
ca sfile natanno
p’’o mare d’’o puorto;
padrone,
cumanne a ‘vracciata,
t’avuote abbuffanno,
te miette a ffa’ ‘o muorto;
stracquato
galligge gudenno,
ripuose tranquillo
pe’ ll’atu cammino;
sfusato,
sparendo e apparenno,
spuntanno ‘o zampillo
me pare ‘o delfino.
Sta scorza
ca ll’acqua nun spogna
ch’è pelle squamata?
si’ figlio a ‘nu pesce?
Sta forza
ca ‘o friddo nn’arrogna,
chi mago t’’ha data?
stu sciato ‘a do’ t’esce?
Nun siente
ca jesceno pazze
da ‘e nnave e da e ‘vuzze
Strillanno “Vivò!”
Tu niente:
natanno te sguazze;
ca, quanno semmuzze,
faie quello che vvuo’.
Guaglione
D’’a pelle abbrunzata,
pur’io me menavo
p’’o mare d’’o puorto.
(Raffaele Viviani)
Annunci

6 thoughts on “‘O pesce Nicolò

  1. ciao gino,
    eccomi qua a lasciarti un saluto dopo tanto tanto tempo.
    grazie per il tuo commento e complimenti per la scelta di questa brano che ricorda l’atmosfera della tua terra, fatta di mare, sole e voglia di vivere.
    un salutone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...