Bambini

Nel 1992 -il secolo scorso- mi accingevo a diventare padre per la prima volta. In quel periodo mi ritenevo incapace di ricoprire un ruolo così delicato (anche adesso la penso quasi allo stesso modo) e cercavo di colmare le mie lacune leggendo avidamente tutto ciò che avesse attinenza al tema.
Ricordo in particolare una rivista -“Insieme”- che oltre a tanti consigli utili aveva una rubrica molto divertente che andavo subito a cercare ad ogni nuova uscita. In questa sezione venivano pubblicate alcune battute pronunciate da bambini, e raccolte da genitori, insegnanti, nonni, tate.
Nel 93 fu pubblicata, come gadget allegato alla rivista, una minuscola antologia di queste frasi. Conservo gelosamente questo opuscolo e ogni volta che mi ricapita tra le mani rido fino alle lacrime.
Gli ignari autori di quelle sagaci battute, adesso saranno quasi tutti maggiorenni, e chissà che a qualcuno di loro non capiti di passare in questo spazio e riconoscere, tra quelle che riporto di seguito, qualche frase pronunciata durante l’infanzia.
Chissà se quei bambini spiritosi e intelligenti saranno riusciti, in questi anni, a conservare il seme dell’ironia. Io ringrazio per la gioia che mi regalano ogni volta che leggo le loro (prime) parole, ed auguro loro che quel seme li aiuti ad essere gli uomini e le donne di cui abbiamo bisogno.
pubblico_2
==
Vi presento i miei:
Papà e mamma si sono incontrati al mercatino dell’usato in piazzale. Volevano lo stesso montone.
Poi però pian piano sono nato io.
Sandrino, 5 anni
Dove lavora il mio papà sono tutti scemi
Leonardo, 3 anni
Papà ha cambiato lavoro e adesso deve fare il cattivo per far vedere che è bravo.
Magda, 6 anni
La mia mamma non va più a lavorare perché sono nato io. Io le do molte soddisfazioni tranne la tredicesima.
Angelo, 4 anni
Sabato sera sono venuti gli amici di mamma e papà, e io volevo stare su. La mamma continuava a dirmi: “Vai a fare la nanna, vai, vai”. Io le ho domandato:”Ma a te piacerebbe andare a letto quando ci sono i miei amichetti?”. Lei ha risposto:”Sì, tanto”.
Gianluca, 5 anni
Mamma e papà vanno a letto insieme. Io devo andarci con le galline.
Emma, 4 anni
==
Al mare:
Se sto tanto in acqua la mamma mi guarda le mani e dice:”Sono cotte”. Allora mi mette su la spugna finchè ritorno nuda e cruda.
Carla, 3 anni
La mia mamma non mi butta in acqua perché lei da piccola ha avuto un “tram” e non le è ancora passato.
Ada, 5 anni
Io divento subito una bambina di colore.
Loredana, 3 anni
I compiti non si fanno mai al mare. Nonno dice che c’è la vacanza dell’obbligo.
Stefano, 7 anni
In autostrada c’era una fila così lunga che papà ha voltato la macchina e abbiamo fatto il ritorno intelligente.
Davide, 5 anni
==
Il cibo:
Alla domenica per fare in fretta noi mangiamo i salumi. Invece la famiglia appresso ha tempo da perdere, e sotto la sua porta passa la lasagna.
Matteo, 3 anni e mezzo
Abbiamo dovuto cambiare posto al tavolo perché al piano di sotto dà fastidio che noi mangiamo.
Pierluigi, 4 anni
Dopo che ho mangiato, la nonna mi manda sempre a schiacciare un pisellino.
Damiano, 4 anni
==
I soldi:
In anticamera abbiamo la foto del bisnonno coi baffi che ha mangiato fuori tutti gli averi che c’erano con una ballerina.
Claudia, 4 anni e mezzo
Chi comanda a casa mia è il mutuo, quello che ci ha comprato casa. Il mio papà dice che quello mangia giorno e notte. Quando andrà via, arriverà un fratellino. Ma anche lui mangia giorno e notte, dice la nonna.
Francesco, 5 anni
==
I nonni:
Certe giornate la nonna canta Amami Alfredo. Fa niente se il nonno si chiama Beppe.
Margherita, 4 anni
La nonna Bice mi accompagna alla scuola materna. La nonna Giulia mi viene a prendere. Nonno Gigi mi porta a nuotare, nonno Francesco ai giardinetti, e la tata dal dentista. Papà dice che do più lavoro io di Agnelli.
Egidio, 5 anni
Io guardo i fidanzati in automobile che si danno i baci. La nonna dice che nascono più bambini lì che all’ospedale.
Ezio, 6 anni
==
Fratelli e sorelle:
Da quando mi è nata una sorellina faccio compassione a tutti.
Ludovico, 5 anni
Io ho la macchinetta sui denti, mio fratello ha una benda nera sull’occhio, siamo una forza, facciamo paura a tutti
Leonardo, 4 anni
La schifosa di mia sorella è bellissima.
Matteo, 5 anni
Annunci

6 thoughts on “Bambini

  1. E’ meraviglioso scoprire come si possa essere così vispi, intelligenti e arguti da piccoli…ricambio la tua visita, e ti ringrazio per il sorriso che mi hai dato con questo post.A presto

  2. ho iniziato la giornata col sorriso e la finisco ridendo da sola da morire, tanto che il cane mi raspa con la zampina sulla sedia perche’ quando rido e quando piango vuole salire su e starmi addosso. Lo sente anche lui, l’emotivita’ che sta nell’aria. Posso domandarti se questo post lo posso copincollare nel forum che frequento senza, se preferisci, inserire il tuo indirizzo di blog? fammi sapere. laura.

  3. quella della mamma che dice al bambino che vorrebbe tanto andare a nanna quando arrivano gli amichetti del figlio mi fa scompisciare dal ridere :>>> mi immagino anche col tono rassegnato con cui una mamma può dirlo :)))! laura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...