Il silenzio del lunedì

Ieri sera, Luciana Littizzetto, durante la sua consueta, scanzonata, divertente “rubrica” all’interno di “Che tempo che fa” (sa e do, RAI TRE, h 20.10), ha richiamato la mia attenzione su un fenomeno che avevo percepito ma non in modo compiuto (impagabili, i comici – se non ci fossero bisognerebbe inventarli!).
Luciana ha detto che, ogni domenica, con la trasmissione “Report” di Milena Gabanelli (do, RAI TRE, h 21.30), va in onda un vero pugno nello stomaco degli italiani. Il programma ha un ascolto strepitoso (questo lo aveva già detto Giovanni Minoli, intervistato da Fazio nella stessa puntata) e svela ogni volta situazioni perniciose che fanno dell’Italia, un’Italietta di cui ci si può solo vergognare. Ci si attenderebbe, il lunedì mattina, reazioni adeguate alla portata delle rivelazioni. Querele da parte degli “sputtanati”, controquerele, commenti sulla stampa, reazioni del governo, dell’opposizione, della giustizia, della Guardia di Finanza, di qualcuno….
Invece nulla. Tutti morti. Nessuna reazione: come se tutti fossero concordi nell’affossare il lavoro d’inchiesta fatto da giornalisti seri e competenti: classe politica, faccendieri, potentati economici e “giornalisti” (l’uso delle virgolette, in questo caso, è d’obbligo, per distinguerli da quelli che fanno le inchieste).
Del resto, c’è poco da stupirsi: proprio “Report” un po’ di tempo fa (con l’inchiesta IL FINANZIAMENTO QUOTIDIANO di Bernardo Iovene, del 23 aprile 2006), ha svelato come molte testate giornalistiche ricevano, grazie a stupide leggine, finanziamenti dalla classe politica (soldi – ovviamente – tolti dalle tasche dei contribuenti). Perfino Feltri che col suo “Libero” pontifica a destra e a manca (più a manca che a destra) atteggiandosi a “duro-e-puro”, becca finanziamenti cospicui che permettono di pubblicare un giornale che – se dovesse reggersi sulle vendite (il libero mercato!) – avrebbe già chiuso da un pezzo. Altre inchieste avevano messo in luce strani giri di finanziamenti incrociati tra tutti i soggetti che, ogni lunedì, coprono con il silenzio ciò che la domenica sera è stato scoperto. Così si può continuare come prima a lucrare e scambiarsi favori.
Io però posso testimoniare che nel treno per pendolari che prendo il lunedì mattina, della puntata di “Report” se ne parla eccome! E se ne parla anche nei giorni seguenti. Io stesso vado a cercarmi, sul sito web della trasmissione, la trascrizione delle inchieste (a giudicare dal numero di visite al sito – circa due milioni – siamo in tanti ad aver preso questa sana abitudine), e me la rileggo con calma sottolineando cifre e nomi: mi servirà tutto la prossima volta che eserciterò il mio diritto di voto (sempre che cambino la legge elettorale “porcata” che è in vigore).
Da oggi, aggiungo il link a “Report” sul mio blog (è poca cosa, ma l’unica che posso fare)
Di seguito elenco alcune delle inchieste più significative (collegate alla pagina web della trascrizione)
GLI ESTERNALIZZATI di Michele Buono, Piero Riccardi del 12 novembre 2006 (in cui si parla di come venga “applicata” la legge Biagi negli enti pubblici – della serie: fatta la legge, trovato lo schiavo)
 
ROBA NOSTRA di Sabrina Giannini del 05 novembre 2006 (in cui si parla di come vengano “gestiti” i beni confiscati a chi ha compiuto reati) 
 
CATTIVI CONSIGLI di Giovanna Boursier del 22 ottobre 2006 (in cui si indaga su come funzionino e quanto costino i consigli di amministrazioni di enti e società pubbliche)
IL GRANDE CRAC di Stefania Rimini del 08 ottobre 2006 (che riguarda i “crac” di alcune società, in cui a rimetterci sosno stati solo i lavoratori,…e i contribuenti)
Annunci

One thought on “Il silenzio del lunedì

  1. ho un nuovo sito da visitare… non ho il videoregistratore ma una volta vedevo la gabbanelli e fa della televisione che sta scomoda a tutti: non fa tremare più perchè so tutti tra cuggini e tra parenti… per cui sanno che esiste mutismo il mattino dopo, ma almeno ho il sito!!!! grande!!!! Grazie mille!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...